Panchakarma

Purificazione e rigenerazione del corpo
attraverso i trattamenti ayurvedici, il massaggio Abhyanga e lo Yoga.
Percorso di benessere della durata di cinque giorni

Panchakarma: purificazione e rigenerazione con l'Ayurveda

Terapia ayurvedica per la purificazione e la rigenerazione del corpo attraverso specifici trattamenti, massaggio Abhyanga e Yoga. Percorso benessere della durata di cinque giorni.

data del Panchakarma:
da mercoledì 20 a domenica 24 luglio

sede del Panchakarma:
Arenzano (Genova)

responsabili dei trattamenti:
Kandeephan Joythimayananda
Francesca Santagata

Programma dettagliato del Panchakarma, giorno per giorno (pdf)

ENGLISH: Panchakarma program, day by day (pdf)

Importante: è necessario eseguire una fase preparatoria nei giorni precedenti al Panchakarma, utilizzando specifici prodotti ayurvedici che provvederemo a fornire direttamente agli iscritti

Importante: è necessario giungere sul posto la sera precedente all'inizio del Panchakarma

Non è prevista l'ospitalità per il pernottamento; consigliamo di alloggiare presso il bed & breakfast "Verde sul mare", che oltre a praticare prezzi accessibili si trova vicino alla sede dei nostri corsi: è possibile trovare informazioni su prezzi e servizi e vedere le camere sul sito www.bbverdesulmare.it; oppure potete contattare la proprietaria, signora Giovanna, al numero 333.9874237.
In alternativa, in paese sono presenti numerosi alberghi, pensioni e agriturismi; è possibile consultare l'elenco completo sul sito ufficiale dellla Pro Loco di Arenzano.

informazioni e iscrizioni:
Tel  347.5346620  (Paola)
info trattamenti: Tel  335.8086069  (Francesca)
info trattamenti: Tel  347.1239422  (Kandeephan)
Scrivici

Cosa è il Panchakarma

Il Panchakarma è un'antica pratica ayurvedica di pulizia e depurazione attraverso la combinazione di differenti trattamenti ayurvedici a base di erbe, creme e oli naturali per purificare l'organismo, contrastare l'invecchiamento delle cellule, migliorare il metabolismo ed espellere dal corpo tossine e sostanze di rifiuto.

Secondo l'Ayurveda, una persona gode di buona salute fisica e mentale quando la sua mente, corpo e anima sono in perfetto equilibrio e in armonia con la natura. A causa dello stress, di errate abitudini alimentari e di uno stile di vita non corretto, un gran numero di individui soffrono di disturbi che con il tempo sono destinati a peggiorare.

Per queste persone è urgente e necessario intraprendere un percorso esistenziale equilibrato, sano e consapevole che permetta di purificare il corpo e l'anima da tutti gli elementi nocivi, consentendo di vivere felici, in salute e in pace con sé stessi.

L'Ayurveda fornisce gli strumenti che permettono di conseguire questo obiettivo, e la pratica del Panchakarma costituisce una fondamentale attività di purificazione e pulizia: quella che opera a livello fisico, permettendo di liberarsi dalle scorie e dalle tossine accumulate all'interno del corpo e riguadagnare il benessere fisico e una migliore sintonia con il proprio corpo e con i suoi ritmi naturali.

Il Panchakarma (da pancha, cinque, e karma, azione) è la principale pratica ayurvedica di purificazione e disintossicazione, e consiste nella combinazione di cinque differenti terapie e trattamenti a base di sostanze naturali.

Il Panchakarma consente di attuare una profonda pulizia dell'organismo, contrastare l'invecchiamento delle cellule, migliorare il metabolismo corporeo e operare l'espulsione delle tossine e delle sostanze di rifiuto (chiamate aama in Ayurveda) che si accumulano e sedimentano nel tempo come conseguenza naturale del metabolismo corporeo ma anche e soprattutto a causa di comportamenti, abitudini e ritmi di vita non adeguati, errate abitudini alimentari, situazioni di stress eccessivo e prolungato, malattie.

Secondo l'Ayurveda lo stato di malattia è il risultato di uno squilibrio all'interno del nostro corpo o della nostra anima. Sfruttando l'azione riequilibrante del massaggio ayurvedico (Abhyanga), e ricorrendo a trattamenti e terapie come il Panchakarma, è possibile ristabilire l'equilibrio dei Dosha (i tre principi biologici che secondo l'Ayurveda sono alla base di tutti gli organismi viventi) all'interno del nostro corpo e indirizzarci così verso un'esistenza più sana, consapevole e felice.

I trattamenti terapeutici del Panchakarma

I cinque procedimenti terapeutici che costituiscono il Panchakarma sono:

  • 1.  Vamana (emesi terapeutica)
  • 2.  Virechana (lassazione depurativa)
  • 3.  Niruha Vasti (enteroclisma depurativo)
  • 4.  Anuvasana Vasti (enteroclisma oleoso)
  • 5.  Nasya (purificazione attraverso le cavità nasali)

I cinque trattamenti che costituiscono il Panchakarma devono essere preceduti da una fase preparatoria che permetta al soggetto di intraprendere in condizioni ottimali il percorso di depurazione e liberazione dalle tossine al fine di renderlo più efficace e duraturo nel tempo.

La fase preparatoria è detta Purvakarma, e consiste in una prima fase in una dieta particolare e ad una regolazione dei ritmi della giornata atte a predisporre il corpo all'azione del Panchakarma. A queste azioni si accompagnano, sotto la guida del terapista ayurvedico, le pratiche note come Snehana (lubrificazione) e Swedana (sudorazione), solitamente condotte sinergicamente e volte ad allentare i Dosha e incanalare il loro flusso in modo da poterlo controllare con maggiore facilità.

Vamana: Questo procedimento permette di effettuare la pulizia del terzo superiore del corpo, sede principale del Dosha Kapha. Secondo l'Ayurveda, in seguito alle pratiche preliminari di lubrificazione e sudorazione, le tossine e gli altri materiali di rifiuto sono stati convogliati verso l'apparato digerente e accumulati nello stomaco. Per questo motivo si procede alla somministrazione di preparati vegetali aventi proprietà emetiche, al fine di permettere l'eliminazione di tutti i prodotti di scarto. La pratica di Vamana è particolarmente efficace e indicata su persone che presentano disturbi quali acidità di stomaco, diabete, malattie della pelle, psoriasi.

Virechana: agisce sul terzo mediano del corpo e permette di purificare l'organismo eliminando da esso il Dosha Pita in eccesso. Il principio di azione è analogo a quello descritto per Vamana, ma in questo caso l'eliminazione dei materiali di rifiuto avviene con una procedura diversa che permette di agire su altre zone di accumulo. Diversi lassativi naturali vengono somministrati per favorire l'escrezione delle tossine e ripulire il corpo. I risultati sono straordinariamente efficaci, particolarmente su soggetti affetti da artrite reumatoide, emiplegia, problemi di pelle e altre malattie connesse con il Dosha Pita.

Niruha Vasti: si tratta del classico clistere depurativo, pratica seguita da secoli anche nella tradizione occidentale, e consiste nella somministrazione di liquidi caldi (semplice acqua o infusi e decotti di erbe) attraverso il canale rettale con l'ausilio di un clistere (chiamato appunto vasti in sanscrito). Questa operazione permette di purificare l'intestino crasso, sede principale del Dosha Vata, liberandone gli eccessi e permettendo di eliminare le tossine eseguendo al contempo una profonda opera di pulizia. Il trattamento è raccomandato soprattutto in caso di disturbi neurologici, spesso causati da accumulo di Vata, nei confronti dei quali in Ayurveda il vasti a base di decotti di erbe costituisce la principale terapia farmacologica.

Anuvasana Vasti: anche questo è un trattamento vasti, ed il procedimento è operativamente analogo al precedente in quanto agisce sulla stessa sede. La differenza consiste nella somministrazione mediante enteroclisma di piccole quantità di oli vegetali (tailam) a base di erbe. Questi, per effetto della maggiore densità rispetto all'acqua, hanno una maggiore tendenza a essere trattenuti nella sede di azione, permettendo un'azione di pulizia più profonda e duratura. I migliori risultati in seguito a questo procedimento si ottengono in caso di stipsi cronica e di disordini neurologici dovuti ad accumulo del Dosha Vata.

Nasya: polveri di erbe essiccate, oli o succhi vegetali vengono somministrati attraverso le vie nasali in questo trattamento, che permette di ottenere ottimi risultati soprattutto in caso di emicrania e mal di testa cronico.

In seguito alle varie pratiche che costituiscono il Panchakarma, il corpo subisce un indebolimento a causa dell'affaticamento a cui è stato sottoposto l'organismo per permettere l'espulsione di tossine e sostanze di rifiuto. È quindi necessario, per restituire energia e favorire l'instaurarsi del giusto equilibrio dei Dosha nell'organismo, seguire un regime dietetico speciale e rispettarlo rigorosamente, al fine di consentire di assimilare al meglio il potere nutritivo degli alimenti e stimolare il fuoco digestivo (Agni). Grazie a questa disciplina alimentare, gli elementi nutritivi presenti nel cibo verranno opportunamente assimilati, così come le sostanze di rifiuto saranno efficacemente eliminate.

Cosa portare

  • 4 t-shirt di colore bianco
  • 2 paia di pantaloni bianchi (pantaloni da yoga o tuta, l'importante è che siano comodi)
  • una felpa
  • 2 paia di calze
  • un asciugamano (e se possibile anche un accappatoio)
  • 2 lenzuola bianche singole
  • un costume da bagno
N.B: dato l'utilizzo di oli da massaggio, abbigliamento e materiali saranno soggetti a ungersi. Si consiglia pertanto di non vestirsi con indumenti particolarmente costosi o eleganti in quanto potrebbero macchiarsi.

Gli operatori

Kandeephan Joythimayananda è un insegnante di Ayurveda e Abhyanga conosciuto a livello internazionale; figlio del Maestro Swami Joythimayananda, è nato e cresciuto in Ashram ed ha appreso per tradizione familiare l'arte del massaggio ayurvedico (Abhyanga) già da bambino. In seguito si è diplomato in Ayurveda presso l'Università di Poona, in India, dove si è specializzato nella terapia ayurvedica (Nidan-Chikitsa) e nella preparazione di rimedi fito-terapici secondo la tradizione ayurvedica (Dravya Guna).

Francesca Santagata ha iniziato a praticare Yoga durante l'adolescenza, seguendo vari maestri e metodi; a ventisei anni ha incontrato l'Ayurveda e Swami Joythimayananda, che sarà il suo Maestro per 5 anni. Sotto la sua guida, si specializza nell'Abhyanga (il massaggio ayurvedico), nel Nidan-Chikista (diagnosi e cura secondo l'Ayurveda) e nel Panchanga Yoga (lo Yoga delle cinque vie). Diventa insegnante di Yoga nel 2001 e di Abhyanga dal 2003, diplomandosi e specializzandosi nel Massaggio Ayurvedico e nello Yoga secondo il metodo Joytinat. Madre di due bambini, dal 2005 comincia ad approfondire le tematiche inerenti il regime di vita secondo l'Ayurveda durante in periodo della gravidanza, lo yoga e il massaggio ayurvedico per la gravidanza, e le tecniche tradizionali del massaggio ayurvedico del neonato (Shantala); conosce e insegna l'Ahara (i principi dell'alimentazione corretta e naturale secondo l'Ayurveda).

Programma dettagliato del Panchakarma, giorno per giorno (pdf)

ENGLISH: Panchakarma program, day by day (pdf)

Per ulteriori informazioni e iscrizioni:
Tel  347.5346620  (Paola)
info trattamenti: Tel  335.8086069  (Francesca)
info trattamenti: Tel  347.1239422  (Kandeephan)
Scrivici