Ayurveda e gravidanza:
i primi quattro mesi

Molte enunciazioni relative alla gravidanza contenute negli antichi trattati ayurvedici del IV - III secolo a.C. trovano oggi conferme nella scienza medica occidentale. In India ancora oggi il massaggio della gestante è una pratica estremamente diffusa

Fasi della gravidanza secondo l'Ayurveda: primo e secondo mese

Secondo il Sushruta Samhita, uno dei primi testi in cui sono state codificate le basi della disciplina ayurvedica tra il IV e il III secolo a.C., durante il primo mese di gravidanza all'interno del ventre materno si forma solo una sorta di sostanza gelatinosa, a partire dalla quale si svilupperà il feto.

Questo concetto, così come molte altre enunciazioni contenute nell'antico scritto del saggio Sushruta, trova oggi una sorta di conferma nella scienza medica moderna. Sushruta afferma infatti che sei o sette giorni dopo il concepimento il nuovo organismo si viene a posizionare all'interno dell'utero e che nell'arco delle prime sette settimane l'embrione si sviluppa sino ad assumere una forma riconoscibile.

Sushruta Continua dichiarando che durante il secondo mese l'embrione assume una conformazione simile a un nodulo nel caso di sesso maschile oppure allungata nel caso di individuo femmina. Secondo la moderna scienza medica, gli arti appaiono come dei sottili germogli che originano dall'embrione già a ridosso dello scadere del primo mese, e nello stesso periodo il cuore comincia ad emettere i suoi battiti.

In breve, è durante la settima settimana, al termine del secondo mese di gravidanza, che l'embrione umano comincia ad assumere una forma riconoscibile. In questa fase il cervello ha già cominciato a svilupparsi, con la conseguente capacità di coordinare l'attività degli altri organi del corpo attraverso l'emissione di impulsi elettrici.

La crescita durante questo periodo è rapida ma irregolare. Lo scheletro comincia a svilupparsi tra il quarantaseiesimo e il quarantottesimo giorno dal concepimento, e quindi già a partire da questo periodo la donna in gravidanza ha necessità di un maggiore apporto di calcio e altri minerali.

Durante questo periodo è già necessario e consigliabile il massaggio delle regioni dorsale e addominale, e la futura madre dovrebbe cominciare a intraprendere una routine quotidiana volta a perseguire una vita il più possibile rilassata evitando attività faticose e stressanti. Dovrebbe inoltre cominciare a praticare esercizi di respirazione e meditazione non appena possibile.

Colui che pratica il massaggio dovrebbe dedicare la maggior parte del tempo sulla regione dorsale, quindi su cosce, polpacci, caviglie e piedi. L'utilizzo di oli medicati non deve essere eccessivo in quanto lo sfregamento necessario per favorire l'assorbimento all'interno del corpo potrebbe causare eccessiva tensione sul corpo della donna e alterare i suoi ritmi di respirazione.

Anziché cospargere l'olio direttamente sul corpo, il praticante dovrebbe applicarlo sulle proprie mani limitandosi alla quantità necessaria per poterle fare scivolare sul corpo del ricevente senza procurare attriti e per potere frizionare, esercitare pressione, massaggiare e stringere dolcemente e senza traumi. In India a questo scopo viene utilizzato principalmente olio di sesamo sia prima che dopo il parto, e talvolta anche olio di cocco, arachide o senape. Il praticante può comunque assecondare le preferenze della futura madre qualora esprima preferenza per altri tipi di olio.

Fasi della gravidanza secondo l'Ayurveda: terzo e quarto mese

Nel corso del terzo mese il feto sviluppa il sistema muscolare e comincia a muovere gambe e braccia. Il movimento tuttavia è debole e limitato, e la madre non è ancora in grado di percepirlo.

Nel corso del quarto mese, secondo il Sushruta Samhita, gli arti e gli organi allo stato embrionale subiscono un progressivo rafforzamento ed il feto comincia ad essere dotato di consapevolezza di sé come conseguenza della formazione e dello sviluppo del cuore.

Il cuore è quindi, secondo Sushruta, la sede della coscienza ed è il veicolo attraverso cui il feto comincia a esprimere il suo desiderio di provare appagamenti sensoriali - come quelli legati a gusto e olfatto - attraverso i desideri provati dalla madre.

Questa fase della gravidanza è fondamentale per colui che esegue il massaggio, perché a partire da questo momento deve assecondare le preferenze della madre circa il tipo di olio da utilizzare in quanto emanazione di un desiderio che è anche quello del nascituro.

Durante questo periodo deve essere praticato un massaggio calmante e rilassante che deve concentrarsi soprattutto su vita e fianchi, regione dorsale, schiena e regione addominale. Anche gambe e spalle devono essere coinvolte attraverso azioni di sfregamento, pressione e massaggio.

Al termine del quarto mese ormai il feto ha raggiunto dimensioni pari a circa la metà di quelle che il bambino avrà al momento della nascita.

ALTRI ARTICOLI SU AYURVEDA E MATERNITÀ

Corso di Ayurveda: gravidanza e preparazione al parto secondo natura con l'Ayurveda, lo Yoga, il massaggio ayurvedico (Abyangam); Shantala, il massaggio tradizionale indiano del neonato; formazione in Ayurveda con Francesca Santagata Mangala Ishta Deva

Formazione: Ayurveda e gravidanza

Gravidanza e preparazione al parto secondo natura con l'Ayurveda, lo Yoga, il massaggio; Shantala, il massaggio tradizionale indiano del neonato   

Corso di Ayurveda: gravidanza e preparazione al parto secondo natura con l'Ayurveda, lo Yoga, il massaggio ayurvedico (Abhyanga); formazione in Ayurveda con Francesca Santagata Mangala Ishta Deva

Formazione: Maternità e Shantala

Gravidanza e preparazione al parto secondo natura con l'Ayurveda, lo Yoga, l'Abhyanga; corso con Francesca Santagata Mangala Ishta Deva   

Corso di Yoga per la gravidanza, Yoga per preparazione al parto, Yoga preparto a Genova; corso di Yoga per donne in gravidanza a Genova con Francesca Santagata Mangala Ishta Deva. Al martedì dalle 15.30 alle 16.30

Yoga per la gravidanza a Genova

Preparazione al parto secondo natura con lo Yoga, insieme a Francesca Santagata Mangala Ishta Deva. A Genova, al martedì alle 15.30