Formazione: āhāra
Ayurveda e Alimentazione

La nutrizione secondo natura, sulla base della costituzione individuale e delle stagioni, con l'Ayurveda. 3 week-end di incontri, per un totale di 48 ore di formazione.

Formazione: āhāra, Ayurveda e Alimentazione

La nutrizione secondo natura, sulla base della costituzione individuale e delle stagioni, con l'Ayurveda. Corso di 48 ore, suddiviso in 6 incontri (tre week-end), condotto da Francesca Santagata Mangala Ishta Deva. Sede del corso: Arenzano (Genova)

data di inizio corso:
da definire (o su richiesta)

orario lezioni:
dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00

sede del corso:
Arenzano (Genova)

docente:
Francesca Santagata Mangala Ishta Deva

informazioni e iscrizioni:
Tel  335.8086069  (Francesca)
Scrivici

Struttura del corso

  • Il corso è indirizzato a: operatori ayurvedici, operatori olistici, operatori della salute. È consigliata una conoscenza di base dei principi dell'Ayurveda.
  • 6 incontri (3 week-end), in autunno, primavera ed estate, per un totale di 48 ore di formazione.
  • Orario delle lezioni: dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00
  • È possibile partecipare a:
    - formazione completa (3 week-end - 48 ore)
    - singoli moduli week-end (16 ore ciascuno)
  • È possibile cominciare la formazione partendo da uno qualsiasi dei tre moduli, in quanto verranno ripetuti ciclicamente.
  • Chi non potesse presenziare a un incontro potrà recuperare alla prima data utile nella sessione di corsi successiva.
  • coloro che completeranno il corso (3 moduli week-end) dovranno, al termine dello stesso, consegnare una tesina e sostenere un esame al fine di ottenere l'attestato di Operatore Ayurvedico per l'Alimentazione.
  • per permettere una fruizione ottimale, il corso è a numero chiuso: saranno accolti massimo 6 partecipanti
  • a pranzo condivideremo un leggero pasto ayurvedico vegetariano o gli alimenti preparati durante la formazione

Programma della formazione in āhāra - Ayurveda e alimentazione

"Persino l'acqua calda estingue il fuoco,
Pita soffoca il fuoco gastrico (con il clima caldo)"
Charaka

Primo modulo - prima giornata (sabato)

la stagione fredda e la costituzione Vata

  • La nutrizione ayurvedica per Sarat rtu e Hemanta rtu, le stagioni autunnale e invernale (solstizio meridionale), il momento indicato come periodo del rafforzamento.
  • Il periodo stagionale: Asvayuja, Kartika, Magasirsa, Pausa (da metà settembre a metà gennaio). Il sole perde la sua forza, la terra si raffredda perché il calore della luce solare è bilanciato dall'effetto delle nuvole, della pioggia e del vento. La forza dell'organismo è massima. Vata (Vayu) domina il periodo invernale. Il passaggio dall'Autunno, momento di equinozio, particolarmente critico per la salute, al periodo invernale dove il fuoco del tratto alimentare aumenta e l'attività digestiva diventa più forte e vigorosa, è un periodo intensivo per il nutrimento.
  • Introduzione ai rasa e ai virya: L'Autunno e l'Inverno. I rasa (gusti) e il loro effetto sulla costituzione Vata; come sperimentare il gusto aspro, salato e dolce. Gli alimenti dal gusto dolce, pesante, caldo, oleoso.
  • I guna: le qualità del cibo in connessione con i gusti; cibi pesanti (guru), i cibi oleosi (snigdha), i cibi caldi (ushna), i cibi liquidi (drava).
  • L'effetto post-digestivo: vipaka.
  • I gusti mandhura (dolce), lavana (salato), amla (aspro). Gli elementi (Panchamahabutha) dei gusti dolce, salato e aspro.

Primo modulo - seconda giornata (domenica)

la stagione fredda e la costituzione Vata

  • Procedimenti per purificare gli alimenti.
  • L'utilizzo delle spezie, dei vegetali, dei legumi e come bilanciarli per Vata Dosha
  • I cibi cotti.
  • L'organo interno: il colon.
  • Preparazione pratica degli alimenti per riscaldare il corpo ed eliminare i gas intestinali.
  • Condivisione di ciò che abbiamo cucinato, come rito.

Secondo modulo - prima giornata (sabato)

La stagione primaverile e la costituzione Kapha

  • La nutrizione ayurvedica per Vasanta rtu, la stagione primaverile, il periodo indicato come debilitante.
  • Il clima e lo stile di vita secondo l'Ayurveda: una breve introduzione.
  • Il periodo stagionale: Caitra e Vaisakka (da metà marzo a metà maggio). Kapha, che aumenta durante la stagione fredda, si squaglia per mezzo del calore durante Vasanta, la primavera, facendo diminuire Agni (il potere digestivo). Gli alimenti sono secchi, privi di umidità, senza grassi.
  • Introduzione ai rasa e ai virya: l'inizio della Primavera. I rasa (gusti) e il loro effetto sulla costituzione Kapha; come sperimentare il gusto amaro, astringente e pungente. I gusti leggeri, facili da digerire e da assimilare come purificazione dopo il periodo invernale; la coscienza dei tre diversi rasa; l'effetto del gusto sulla digestione, il suo virya o energia; I virya caldi per alleggerire il corpo e per favorire la perdita di peso; I virya freddi e caldi: come bilanciarli.
  • I guna: le qualità del cibo in connessione con i gusti; i cibi leggeri (laghu), i cibi caldi (ushna), i cibi secchi (ruksha), i cibi grezzi (khara), i cibi pungenti (tikshana).
  • L'effetto post-digestivo: vipaka.
  • I gusti tikta (amaro), kasaya (astringente), katuka (pungente). Gli elementi (Panchamahabutha) dei gusti amaro, astringente, pungente.
  • La digestione, l'eliminazione delle scorie, gli organi corrispondenti a questo periodo dell'anno; come aumentare il fuoco gastrico (agni)

Secondo modulo - seconda giornata (domenica)

La stagione primaverile e la costituzione Kapha

  • Procedimenti per purificare gli alimenti.
  • L'utilizzo delle spezie, dei vegetali, dei legumi e come bilanciarli per Kapha Dosha.
  • Metodi di cottura.
  • Regole generali per favorire la digestione e per applicare la giusta dieta sotto forma di trattamento ayurvedico.
  • L'organo interno: Lo stomaco.
  • Preparazione pratica degli alimenti adatti alla purificazione.
  • Condivisione di ciò che abbiamo cucinato, come rito.

Terzo modulo - prima giornata (sabato)

La stagione estiva e la costituzione Pita

  • La nutrizione ayurvedica per Grisma rtu, la stagione estiva (solstizio settentrionale), il periodo indicato come debilitante.
  • Il periodo stagionale: Jyestha e Asada (da metà maggio a metà agosto). Pita aumenta durante la stagione calda, la forza dei raggi solari si diffonde sulla terra facendo evaporare l'umidità della primavera e producendo calore secco. Kapha diminuisce e Vata aumenta. Agni (il fuoco gastrico) viene danneggiato dal calore estivo.
  • Introduzione ai rasa e ai virya: L'Estate. I rasa (gusti) e il loro effetto sulla costituzione Pita; come sperimentare il gusto dolce, amaro e astringente. Gli alimenti dal gusto dolce, leggero, freddo, liquido.
  • I guna: le qualità del cibo in connessione con i gusti; cibi leggeri (laghu), i cibi liquidi (drava), i cibi freddi (shita).
  • L'effetto post-digestivo: vipaka.
  • I gusti mandhura (dolce), tikta (amaro), kasaya (astringente). Gli elementi (Panchamahabutha) dei gusti dolce, amaro, astringente.
  • L'essenza del cibo e il metabolismo.

Terzo modulo - seconda giornata (sabato)

La stagione estiva e la costituzione Pita

  • Procedimenti per purificare gli alimenti.
  • L'utilizzo delle spezie, dei vegetali, dei legumi e come bilanciarli per Pita Dosha.
  • L'utilizzo di alimenti crudi.
  • La preparazione del ghee-gruta (burro chiarificato).
  • L'organo interno: l'intestino tenue.
  • Preparazione pratica degli alimenti per rinfrescare il corpo e bilanciare il fuoco gastrico.
  • Condivisione di ciò che abbiamo cucinato, come rito.

Ayurveda e alimentazione

non ci si macchia dei difetti del cibo se si recita il mantra:
il cibo è Brahma, il creatore; il suo sapore è Vishnu; colui che mangia è Shiva

annam brahma raso visnur bhokta devo mahesvarah
evan dhyatva tu yo bhunkte annodosair na lipyate

Secondo l'Ayurveda, āhāra, l'alimentazione corretta, è alla base dell'equilibrio della fisico e mentale. A seconda della stagione e delle energie che in essa predominano, è necessario seguire una dieta e uno stile di vita appropriati, basati anche sulla propria costituzione individuale (prakṛti).

Una vita salutare dipende principalmente da tre attività fondamentali: nidra, il buon sonno; brahmacharya, la attività sessuale equilibrata; āhāra, l'alimentazione corretta. L'importanza di āhāra, l'alimentazione secondo i dettami dell'Ayurveda, è sottovalutata e trascurata nella società moderna, a causa dei suoi ritmi veloci e frenitici.

Secondo l'ayurveda rivestono una importanza fondamentale non solo le abitudini alimentari, ossia cosa si mangia, ma anche il modo in cui si mangia e la maniera in cui si cucina il cibo. Una dieta corretta è il risultato della combinazione di cibi che forniscono gli elementi necessari al benessere del corpo e della mente. Gli alimenti devono essere combinati tra loro in proporzioni equilibrate al fine di favorire il corretto metabolismo fisico, energetico, e il nutrimento della mente.

Cosa portare

  • una t-shirt di colore bianco, arancio, zafferano o porpora
  • abbigliamento per la pratica, comodo e di colore bianco, arancio, zafferano o porpora
  • un grembiule
  • un asciugamano
  • carta e penna per scrivere (per chi desidera prendere appunti)

L'insegnante

Francesca Santagata Mangala Ishta Deva ha iniziato a praticare Yoga durante l'adolescenza, seguendo vari maestri e metodi; a ventisei anni ha incontrato l'Ayurveda e Swami Joythimayananda, che sarà il suo Maestro per 5 anni. Sotto la sua guida, pratica Abhyanga (massaggio ayurvedico), conosce il Nidan-Chikista (diagnosi e cura secondo l'Ayurveda) e studia Panchanga Yoga (lo Yoga delle cinque vie). Dal 2001 insegna Yoga, dal 2003 Abhyanga. Ha approfondito differenti tipi di Yoga, creando un metodo di trasmissione nel solco della tradizione. Nel 2018 a Chennai ha frequentato l'Advanced Teacher Training Program con Sri Srivatsa Ramaswami in Vinyasa Krama (Krishnamcharya), la sequenza dei vinyasa coordinati dal respiro. Dal 2005 si occupa di accompagnamento alla gestazione, preparazione al parto e puerperio attraverso Yoga e Ayurveda, e massaggio tradizionale del neonato (Shantala). È attenta all'alimentazione naturale (Ayurvedica) e pura (Sattvica) secondo lo Yoga, che con gioia trasmette agli altri.
 

Per ulteriori informazioni e iscrizioni:
Tel  335.8086069  (Francesca)
Scrivici